RIPUBBLICIZZIAMO L’ACQUA: E’ POSSIBILE!

Per farlo serve una forte mobilitazione dell’opinione pubblica che richiami al loro dovere gli amministratori locali.

Poca è la trasparenza su questo tema ma quello che non si vuole far sapere è che i cittadini hanno a disposizione ampi margini di manovra per ripubblicizzare l’acqua. Non è affatto vero che il destino dell’acqua è di rimanere o di finire tutta solamente nelle mani di multinazionali e lobbies di partito. Con il risultato di scandalosi aumenti delle bollette. Ci si può opporre!

Si è svolto a Castel Giorgio il 19 febbraio un primo importante incontro tra esponenti di associazioni, privati cittadini e l’Avv. Maurizio Montalto, uno dei principali esperti a livello nazionale su questo tema. Dalla riunione è emersa la concreta possibilità di avviare una serie di passi in direzione della ripubblicizzazione di questa risorsa vitale.

L’acqua è un diritto e non può essere considerata una merce. E in quanto diritto può essere gestita solamente dallo Stato, attraverso le sue strutture pubbliche. La funzione dello Stato è quella di garantire i diritti a tutti in modo eguale.  Non si può caricare il profitto, tipico delle gestioni private, su un diritto. La privatizzazione dell’acqua, già avvenuta nella nostra regione, sottrae ai cittadini un diritto vitale. Tutti si rendono conto del disastro di un’acqua nelle mani di società che si muovono in ambito economico privatistico: l’utile dei soci è al centro, non il diritto dei cittadini.

Ed i risultati si vedono: un enorme aumento di spese per il personale e per strutture, scarsa attenzione alla preservazione del bene acqua a livello territoriale, aumenti enormi delle bollette  tutto questo perché i governi centrali sono più sensibili agli interessi delle varie “cricche”  politico-finanziarie che agli interessi dei cittadini.

Dalla riunione tecnico-operativa del 19 febbraio è emerso che chi ha in mano la reale possibilità di ripubblicizzare l’acqua sono i comuni, attraverso i consorzi pubblici ATO di cui fanno parte a livello provinciale. L’assemblea di un consorzio ATO può decidere a maggioranza di togliere la gestione ai privati e restituirla al pubblico. L’unica vera gestione pubblica non è quella di SPA a capitale pubblico o pubblico privato, che comunque considerano l’acqua come una merce sulla quale realizzare un utile, con tutte le conseguenti ricadute negative sui cittadini.

Gruppi di comuni  o gli stessi consorzi ATO possono gestire direttamente l’acqua, in varie forme, o affidarla ad una loro Azienda Speciale di diritto pubblico. E questo restituirebbe l’acqua ai cittadini come diritto, contenendo le spese, evitando il ricarico dell’utile, e bloccando la spirale incontrollata delle bollette.

Occorre pertanto che, in ogni comune, i cittadini si facciano sentire esercitando pressioni sui propri consiglieri comunali, assessori e sindaci. Che devono decidere: o proteggere gli appetiti di quelle lobbies nazionali ed internazionali che condizionano spesso i loro partiti di appartenenza, o fare gli interessi di chi, eleggendoli, ha messo nelle loro mani il benessere e i diritti delle proprie famiglie.

La maggioranza dei comuni di un consorzio ATO può decidere di ripubblicizzare l’acqua attraverso l’AFFIDAMMNETO SENZA RILEVANA ECONOMICA. Non ci sono scuse. Nemmeno le recenti normative, che tendono a favorire la privatizzazione, impediscono questo passo di ripubblicizzazione.  Di questo non si parla, di questo non si dà informazione.

Stiamo ora raccogliendo adesioni nella provincia di Terni per la formazione di un comitato che si organizzi per esercitare forti pressioni sui singoli comuni in direzione della ripubblicizzazione. La soluzione è nelle mani degli amministratori  locali che noi stessi abbiamo eletto. Non è nelle mani del governo di Roma, o di quello regionale.

Per aderire al costituendo comitato, ti preghiamo di inviare una email a: amicidellaterraorvieto@gmail.com

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: